• LLL:fileadmin/templates/jugendsession.ch/Resources/Private/Language/it.locallang.xlf
  • Cerca
  • Media
  • Contatto

2007

Con lo slogan un po' lungo «Non sei felice del mondo di oggi? Allora impegnati per il mondo di domani», 200 giovani hanno discusso tematiche come la varietà di religioni, il doping, l'energia e la violenza giovanile. Hanno consigliato al parlamento di respingere la «riammissione delle gare di Formula 1 in Svizzera» sia dal punto di vista economico che da quello ecologico.

Un'ulteriore richiesta della Sessione dei giovani è stata l'introduzione dell'età di voto a 16 anni. Le decisioni politiche si ripercuotono sui giovani. Quindi, in questo modo si potrebbe attivare l'interesse dei giovani a partecipare alla politica. Inoltre, i giovani interessati ed informati devono poter partecipare attivamente alla vita politica.

«La Sessione dei giovani mi è piaciuta molto. C’erano degli ottimi gruppi di lavoro e ci sono stati dei dibattiti molto emozionanti. Anche il fatto di essere ricevuti dal Consigliere federale Pascal Couchepin, il quale ha anche trovato il tempo di rispondere alle nostre domande, l'ho trovato entusiasmante.»
— Helen Bänninger, 18, da Richterswil (intervistata dalla ZürichseeZeitung del 25.09.2007, pag. 3)

Dato che i lavori di rinnovamento di Palazzo federale sono andati per le lunghe, la sala del Consiglio federale era libera solo la domenica. I giovani hanno quindi colto la possibilità di essere visibili anche dall'esterno, e hanno svolto i propri dibattiti di sabato in piazza federale. Non vi sono comunque stati degli attacchi di vernice contro la facciata di Palazzo federale, come presagiva (o temeva?) un manifesto pubblicitario.